nov 11

Investire nel brand territoriale come strumento per competere e vincere in tempo di crisi

Fare politiche di branding vuol dire principalmente capire il contesto e il territorio e, facendo leva sulle proprie potenzialità, i propri punti di forza e la propria identità, ripensare o consolidare un posizionamento distintivo e, di conseguenza, un piano d’azione trasversale ed integrato, che coinvolga il sistema territoriale nel suo complesso.

La costante crescita della competizione tra i territori, sia sul fronte dell’attrazione dei fattori di sviluppo sia delle risorse, richiede posizionamenti chiari e distintivi. Le città e i territori, con buone capacità progettuali, avvertono quindi sempre più il bisogno di definire una visione prospettica e futura, per meglio indirizzare e aggregare le energie, i fattori critici di successo e i processi di pianificazione e di comunicazione. A dimostrazione di ciò, l’analisi effettuata su 16 grandi metropoli internazionali ha evidenziato come 14 città abbiano collocato il “turismo”, la promozione ed il marketing territoriale al primo posto tra i settori strategici.

Non un percorso casuale ma una visione d’insieme. Un piano integrato per consolidare e rilanciare la propria immagine, catalizzare risorse – umane ed economiche, e veicolare le energie del territorio verso traguardi concreti e raggiungibili.  
Investire in marketing territoriale e in politiche di branding significa, quindi, da una parte, darsi un posizionamento strategico chiaro rispetto ai competitor, riorganizzare l’offerta rispetto ai bisogni e fare un piano d’azione con obiettivi e traguardi misurabili; dall’altra, ascoltare il territorio per una progettazione partecipata, definire la propria “Brand identity”, predisporre una value proposition distintiva e fare progetti mirati di promozione. Vuol dire rendersi visibili e posizionarsi tra le scelte di clienti potenziali, che oggi più che mai hanno a disposizione  offerte territoriali e opportunità tra le più ampie possibili.

Proprio la scarsità di risorse inoltre impone pratiche particolarmente virtuose di integrazione e sinergia del sistema d’offerta esistente. Investire per costruire e rendere visibile e unica la propria identità è una delle risposte più immediate per attrarre nuove risorse e sfidare la crisi globale. 

All’orizzonte la grande e imminente opportunità di Expo Milano 2015 per posizionarsi nel mondo.