Jan 08

Best practice | Age Management

Le fasce di popolazione lavorative più mature sono crescenti e, insieme con ciò, vi è l’allungamento dell’età di pensionamento. In generale sul fronte delle politiche del personale nelle organizzazioni, larghe parti delle popolazioni aziendali non sono incluse nei progetti di sviluppo e d’aggiornamento professionale e, nello stesso tempo, quelle dei “senior” sono popolazioni delle quali si disconoscono sia i vantaggi di un loro migliore impiego, sia, talvolta, anche le loro qualità o competenze più specifiche e, nella maggior parte delle organizzazioni italiane, sono per lo più intese come un costo, anziché un capitale umano ed immateriale da valorizzare.

Così una gestione delle risorse umane che includa i criteri ed i metodi dell’ age management diventa una necessità per garantire una maggiore produttività e integrazione del personale over 45 in molte organizzazioni, tenuto conto che:

  • I valori del tasso d’attività e il coinvolgimento lavorativo del personale in Italia è tra i più bassi in Europa.
  • Le fasce di popolazione lavorative più mature sono crescenti e, insieme con ciò, vi è l’allungamento dell’età di pensionamento.
  • I target posti da UE per il 2010 sul fronte della formazione continua e i tassi d’attività per le popolazioni over 55 sono ben lungi da essere raggiunti anche da regioni come la Lombardia.

VVA propone ai clienti le best practices per supportare delle politiche attive del lavoro riguardo alle popolazioni dei lavoratori senior.

 

attachments


Age Management 10 gennaio 2008 Age Management 10 gennaio 2008